La Premier League ha avuto il suo epilogo, quasi scontato all’inizio dell’ultimo turno, ma che sembrava impronosticabile a metà stagione, quando il Liverpool aveva messo una pesante ipoteca sul campionato. Per gli uomini di Guardiola il merito di essersi messi dietro le 4 squadre finaliste delle due coppe europee.

A spuntarla è stato quindi il Manchester City, che non ha fallito, che non ha fallito l’ultimo appuntamento in casa del Brighton già salvo, e ha saputo rispondere all’iniziale brivido del vantaggio dei padroni di casa pareggiando dopo un minuto e inanellando il poker finale.

Chiude a testa alta il Liverpool, mancando il titolo nonostante i 97 punti, ad una lunghezza dalla capolista. Nell’ultimo match di campionato i Reds si impongono sul Wolverhampton con doppietta di Mane, e si proiettano già alla finale di Champions League.

In terza posizione chiude il Chelsea di Sarri, che si congeda dalla Premier con il pareggio a reti bianche in casa del Leicester, in attesa della finale di Europa League. Al quarto posto il Tottenham, che col pareggio contro l’Everton si assicura la partecipazione alla prossima Champions League, dopo aver provato a conquistare il trofeo di questa edizione nella prossima finale di Madrid.

Stessa situazione per l’Arsenal, che deve accontentarsi del piazzamento Europa League per la prossima stagione ma avrà la possibilità di fare proprio il titolo nella prossima finale tutta londinese contro i Blues. I Gunners nella gara odierna sconfiggono a domicilio il Burnley, doppietta di Aubameyang.

Ai preliminari di Europa League il Manchester United, in una stagione costellata di alti e bassi. i Reds nell’ultimo incontro cedono in casa al retrocesso Cardiff che passa con la doppietta di Mendez-Laing.

Brighton-Manchester City 
Burnley-Arsenal 
Crystal Palace-Bournemouth 
Fulham-Newcastle 
Leicester-Chelsea 
Liverpool-Wolves 
Manchester Utd-Cardiff 
Southampton-Huddersfield 
Tottenham-Everton 
Watford-West Ham