I campioni veri non hanno bisogno di molte presentazioni, ma è il campo che parla e questo ha permesso a Messi di vincere l’edizione 2019 del Pallone d’Oro. 

Sesto trionfo per l’argentino, che stacca così Ronaldo, arrivato sul gradino più basso del podio, con Van Dijk che si aggiudica la medaglia d’argento. 

Sotto i tre più forti giocatori d’Europa nell’ultimo anno solare troviamo Manè, posizionato al 4^ posto, con i compagni di squadra Salah e Alisson rispettivamente quinto e settimo. Sesta posizione per Mbappe, mentre Lewandowski, Bernardo Silva e Marhez chiudono la top 10. 

Queste le parole della Pulga al momento della premiazione: 

“Buonasera, voglio ringraziare tutti i giornalisti che hanno votato, più di 170 e da tutti i continenti. Grazie ai miei compagni del club e della Nazionale. Perdere o vincere, ho vissuto un anno grandioso, siete parte di questo premio. Ieri era il decimo anniversario del mio primo Pallone d’Oro, avevo 22 anni ed era impensabile arrivare qui oggi a ottenere il sesto, in un momento totalmente diverso per me, anche nella vita personale. In tutto questo tempo non ho mai pensato di sognare quello che sono, di fare quello che amo, sono consapevole dell’età che ho e mi gusto ancora di più questi momenti. Grazie a tutti, buona notte”.

Così il secondo classificato Van Dijk: 

“Io sono felice di vedere che i difensori sono andati vicino a vincerlo, è una cosa buona. Messi è uno dei migliori giocatori di tutti i tempi e le persone hanno scelto lui. Sono contento per lui, è fantastico”.

Sheesh! 🤯 pic.twitter.com/dgFINPTAa1 — FC Barcelona (@FCBarcelona) 2 dicembre 2019

Visualizza questo post su Instagram

Messi se convirtió en el máximo ganador de la historia del #BalondeOro al obtener su sexto galardón. ¡Felicidades Leo! 🥇🇦🇷

Un post condiviso da Selección Argentina (@afaseleccion) in data: 2 Dic 2019 alle ore 12:35 PSTVisualizza questo post su Instagram

Well in, Reds 🙌🔴 VVD (2nd), Sadio (4th), Mo (5th) and Alisson (7th) in the final Ballon d’Or rankings 👏💫 #LFC #LiverpoolFC #BallonDor

Un post condiviso da Liverpool Football Club (@liverpoolfc) in data: 2 Dic 2019 alle ore 1:02 PST