La gara fra il Catanzaro e il Bari è stato l’ultimo evento ufficiale del mese di marzo in serie C.
Un pari, quello in un “Ceravolo” deserto, che ha permesso alla Reggina, vittoriosa a Potenza contro il Picerno domenica pomeriggio, di portare il vantaggio a nove lunghezze.
Campionato che, quindi, si tinge sempre più di amaranto. La squadra di Toscano ha ormai messo le mani sulla promozione e, alla ripresa, dovrà solo amministrare i nove punti che tengono la tengono a distanza di sicurezza dai “galletti”.

Per il resto, blitz della Casertana a Monopoli (decisivo il rigore di Corado al 93′), ennesimo ko della Ternana, caduta al “Partenio-Lombardi” di Avellino dagli irpini di uno scatenato Capuano, mentre il Potenza ha guadagnato un buon punto in trasfera con la Cavese.

Per quel che concerne la zona retrocessione, se il campionato finisse oggi non ci sarebbero i playout, con Rieti (reduce dal clamoroso colpaccio in casa della Viterbese) Rende e Bisceglie direttamente retrocesse fra i dilettanti.
Adesso lo stop sino al 3 aprile, sperando che si possa presto tornare alle normalità.

catanzaro-bari
picerno-reggina
avellino-ternana
monopoli-casertana
cavese-potenza
bisceglie-catania
teramo-francavilla
leonzio-rende
viterbese-rieti
vibonese-paganese