Un grosso male sta sconvolgendo la vita di tutti i giorni dell’intera poplazione italiana e non solo. Abbiamo dovuto rivedere la nostra routine e le nostre abitudini quotidiane, ma se seguiamo, tutti, le indicazioni forniteci, ne usciremo vincitori. Stiamo a casa, #andràtuttobene. 

Come i più normali cittadini, anche tanti calciatori di Serie A sono risultati positivi al tampone, i più però da asintomatici, quindi non presentavano alcun sintomo in particolare al momento della rilevazione. 

3 aprile

Nicola, allenatore del Genoa, si dice molto preoccupato per la situazione e in particolare per la sorella che lavora in ospedale. 

L’attaccante koreano del Tottenham Son, tornato in patria per stare vicino alla famiglia, rischia di dover scontare un periodo di leva militare se gli Spurs non dovessero richiamarlo in Inghilterra per gli allenamenti, in questo momento sospesi. 

2 Aprile

Una buona notizia arriva da Valencia. La società ha comunicato che tutti i calciatori ed i membri dello staff che hanno contratto il virus sono guariti.

Parole positive anche da Verona dove è intervenuto il centrocampista Zaccagni, positivo al virus:” La positività al coronavirus, inizialmente, mi ha spaventato. Ho avuto dei sintomi per due o tre notti, come qualche linea di febbre e un dolore forte e fastidioso alla gambe. Ma adesso sto molto bene. Ho ricevuto molti messaggi di sostegno. Non sono riuscito purtroppo a rispondere a tutti, ma li ringrazio tutti perché mi hanno fatto sentire il loro affetto”.

Dall’Argentina anche Tevez è intervenuto in merito all’emergenza, esprimendo vicinanda e preoccupazione per la situazione. 

1 aprile

Stroncato dal Covid-19 all’età di 68 anni Pape Diouf, presidente del Marsiglia dal 2005 al 2009 e già agente sportivo. Lo piange Niang, ex Milan: “Sono molto triste per la scomparsa di questo grande uomo, riposa in pace Pape Diouf.”

Oriana Sabatini, compagna di Dybala, ha rivelato che le condizioni dell’argentino non sono ancora stabili. Infatti l’attaccante bianconero pare abbia ancora sintomi come tosse e difficoltà respiratorie, mentre lei è guarita. 

30 Marzo

Nuovo caso di contagio in Inghilterra. Questa volta nel massimo campionato femminile, dove è risultata positiva Pauline Peyraud-Magnin. La 29enne, portiere dell’Arsenal, ha svelato le sue condizioni di salute attraverso i canali ufficiali della nazionale francese.

29 marzo

L’Atletico Madrid piange una delle sue storiche bandiere del passato: è morto infatti Josè Luis Capon per alcune complicazioni dovute al virus. Il compianto aveva 72 anni e contava 269 gare con i colchoneros

E’ stato ricoverato in ospedale per aver accusato alcuni sintomi tipici del Covid-19 Rustu Recber, ex portiere turco con una parentesi anche al Barcellona nella stagione 2003-2004. 

28 Marzo

Intervenuto a JTv l’argentino Paulo Dybala ha rassicurato i suoi tifosi: “Adesso va meglio, ma sino a poco tempo fa quando provavo a camminare sentivo tanta pesantezza. Va meglio sia per me e sia per la mia ragazza. 

26 marzo

Ha parlato Oriana Sabatini, compagna di Dybala, riguardo la positività al Covid-19 rilevata in entrambi: “Stiamo bene. Due, tre giorni fa mi sentivo abbastanza male. Come quando senti che ti stia per venire l’influenza. Non ho avuto la febbre, l’ho sempre misurata e non l’avevo”. Poi prosegue:“I medici ci hanno detto che il 31 marzo faranno un altro tampone. Nel frattempo ci hanno detto di riposare e ci hanno prescritto alcune vitamine da prendere”. Poi Dybala rassicura tutti sulle loro condizioni di salute. 

25 Marzo

L’emergenza in Spagna raggiunge vette spavantose e  il Girona (squadra che milita in Liga2), attraverso una nota ufficiale ha comunicato la positività al Coronavirus di un suo calciatore, dopo che lo stesso nei giorni scorsi era stato sottoposto al tampone.

La Juventus, intanto, ha ultimato il periodo di isolamento. Quarantena finita tranne che per i tre calciatori positivi al tampone (Rugani, Dybala e Matuidi).

24 Marzo

Nel giorno in cui la Spagna supera le duemila vittime e l’Italia continua a monitorare la situazione, anche Bertolaso comunica di aver contratto il virus COVID 19.

Nel frattempo l’argomento del giorno è il possbile rinvio di Tokyo 2020, sono tantissimi gli atleti favorevoli a questa proposta.

In mattinata sono arrivate le dichiarazioni di Pepe Reina. L’ex portiere di Napoli e Milan si è detto preoccupato per la situazione, specialmente dopo aver avuto i sintomi nella scorsa settimana. 

23 marzo

In Spagna e in Francia nuovi atleti hanno contratto l’infezione: si tratta di Jonathas, attaccante dell’Elche ed ex di Brescia e Pescara, e Hyun-Jun Suk del Troyes. 

In Premier League è risultato positivo al tampone Hudson-Odoi, giovanissimo attaccante esterno del Chelsea, primo calciatore infetto del campionato inglese, dopo il caso di Arteta, tecnico dell’Arsenal. 

22 Marzo

In Spagna è risultato positivo il calciatore cinese Wu Lei. L’attaccante, 28 anni, gioca nell’Espanyol ha accusato sintomi leggeri.

Si trova in isolamento, invece, il presidente dell’Internacional Porto Alegre, Marcelo Medeiros risultato positivo al virus.

Volando in Inghilterra, sono ben quattro i calciatori positivi al Covid19 nel Portsmouth. Il club di terza serie ha reso noti i loro nomi: Haji Mnoga, James Bolton, Andy Cannon e Sean Raggett. Il club è in attesa dei risultati di altri dieci tamponi. 

Nel frattempo, nella tarda serata di ieri, si è spento l’ex presidente del Real Madrid Lorenzo Sanz. Ricoverato in terapia intensiva a causa del virus, è morto all’età di 76 anni. 

21 marzo

Notizia degli ultimi minuti: sono risultati positivi al tampone anche Paolo Maldini e il figlio Daniel, quest’ultimo fisso nella rosa della prima squadra. 

Attraverso un tweet apparso sul suo profilo personale, Paulo Dybala annuncia che è risultato positivo al tampone insieme alla compagna Oriana- L’attaccante bianconero ha voluto però tranquillizzare tutti: “Ciao a tutti, abbiamo appena ricevuto l’esito del test e sia io che Oriana siamo risultati positivi al Covid 19. Per fortuna, sia io che lei stiamo bene e siamo in perfetto stato. Grazie dei messaggi di affetto”.

Fortunatamente in Serie A non è stato registrato più alcun caso di positività al Covid-19, ma oltreoceano è in crescita il numero di contagiati nel mondo dell’NBA

18 Marzo

Una delle notizie più tristi della giornata odierna riguarda Lorenzo Sanz. L’ex presidente del Real Madrid. dal 1995 al 2000, è ricoverato in grave condizioni nel reparto di terapia intensiva. Sanz, 76 anni, è risultato positivo al Coronavirus attraverso il tampone effettuato qualche giorno fa.

C’è anche il primo caso di Coronavirus riconosciuto tra i calciatori del campionato cinese. Si tratta dell’attaccante Dorielton, 30 anni del Meizhou Hakka ed ex Fluminense. La sua squadra fa parte del secondo campionato cinese, mentre le condizioni del calciatore non sono note. Al momento si trova ricoverato in un ospedale vicino Guangzhou.

L’ultima avversaria europea dell’Inter, il Ludogorets ha il suo primo infetto da Covid 19. Si tratta dello stesso presidente  Kiril Domuschiev che lo ha annunciato attraverso il proprio profilo facebook. 

Nel frattempo il calciatore della Sampdoria Jankto ha concesso un’intervista nella quale dichiara che gli infetti in squadra sarebbero più di quindici. 

17 marzo

Anche all’interno della rosa del Verona è stato riscontrato il primo caso: si tratta del centrocampista Zaccagni.

Secondo caso di positività in casa Juventus dopo Rugani: il tampone ha riscontrato che anche Blaise Matudi è affetto dal COVID-19. Il calciatore francese sta bene, fa sapere la società bianconere, ed è asintomatico. 

Primi possibili casi anche nel calcio femminile: dieci calciatrici della Juventus Women sono state messe in isolamento forzato. Le ragazze, reduci dall’Algarve Cup con la Nazionale italiana, potrebbero aver avuto dei contatti con una persona riveltatasi poi positiva al tampone, ma non c’è nulla di certo in questo momento. 

L’allenatore del Flemengo, invece, è risultato positivo al COVID-19, mentre l’ex campione brasiliano Zico, che era entratto in contatto con lui nei giorni scorsi, si è rivelato negativo. 

16 marzo

Tramite un comunicato il Valencia informa che “circa il 35% della rosa è stato contagiato. Nuovi casi di positività al COVID-19, riscontrati tra i giocatori e lo staff tecnico della prima squadra. Sono tutti asintomatici e monitorati costantemente a casa”. Un dato che va di pari passo con l’aumento esponenziale dei casi di coronavirus in Spagna.

15 marzo

Primo caso di positività al tampone anche in Liga: si tratta del difensore argentino del Valencia, Ezequiel Garay, fermo ai box per la rottura del legamento crociato da un mese e mezzo.  La società spagnola ha comunicato che sono ”5 componenti della prima squadra tra tecnici e giocatori” risultati positivi al tampone. Attualmente si trovano in isolamento domiciliare e sono in buone condizioni. 

14 marzo

Il primo caso certificato è stato riscontrato in casa Juventus e il calciatore è Daniele Rugani. Il giorno dopo La Sampdoria, attraverso un comunicato apparso sul proprio sito, ha fatto sapere che Gabbiadini è risultato positivo e a ruota anche molti dei suoi compagni di squadra, tra cui Colley, Thorsby, Ekdal, La Gumina e Depaoli. 

Successivamente anche la Fiorentina ha annunciato la positività di alcuni suoi atleti: Vlahovic, Pezzella e Cutrone. Dopo questi primi casi, sono state subito messe in allerta le ultime squadre che avevano affrontato i tre club in questione, ovvero Inter, Udinese e Verona. 

Così come tutti gli incontri ufficiali di ogni torneo e competizione, anche gli allenamenti sono stati sospesi, per permettere anche ai calciatori di seguire il più possibile le direttive governative. 

ACF Fiorentina comunica che, in presenza di alcuni sintomi sono stati sottoposti a tampone, con esito positivo, i calciatori Patrick Cutrone e German Pezzella e il fisioterapista Stefano Dainelli. Sono tutti in buone condizioni di salute nei loro domicili a Firenze. pic.twitter.com/rlgobtoR3J — ACF Fiorentina (@acffiorentina) March 14, 2020

💙 Siamo con te, Manolo. La #Sampdoria e tutti i sampdoriani. Forza! 💪🏻 https://t.co/kGLHfHDLUp — U.C. Sampdoria (@sampdoria) March 12, 2020